News su WiFi e Tecnologia
Currently Browsing: Servizi Wifi

Li-Fi, future is now!

“Future is now“. E non stiamo parlando della trama del prossimo film di fantascienza, ma di una tecnologia destinata a rivoluzionare del tutto il concetto che abbiamo di connettività. Si tratta del “Li-Fi“: probabilmente ne avete già sentito parlare, ma di recente è stato installato (in via sperimentale) in alcuni uffici di Tallin, Estonia. In pratica permetterà di rimpiazzare, per la trasmissione dei dati, lo spazio radio (attualmente usato per il wi-fi), con una “forma di luce visibile” (VLC visibile light communication), garantendo trasferimento dati cento volte superiori all’attuale wi-fi. Lo spettro di luce usato oscilla tra i 400 e gli 800 Terahertz (praticamente invisibile all’occhio umano); per capire la portata dell’innovazione basti pensare che il Li-Fi, trasmettendo messaggi in codice binario, riesce a scaricare in un secondo 18 film da 1,5 GB.  In effetti i 16 miliardi di lampadine presenti nel mondo diventerebbero “di colpo” trasmettitori wireless, con evidenti implicazioni dal punto di vista del risparmio energetico, della velocità (non avrebbe problemi di sorta con più dispositivi “connessi”, come sottolineato dal “creatore” di questa nuova tecnologia, Harald Hass dell’università di Edimburgo) e soprattutto anche della sicurezza, in quanto “luce”/rete, non oltrepassando i muri, si diffonde solo nell’ambiente desiderato, non oltrepassando i muri e rendendo pressochè impossibile la “penetrazione” da parte di malintenzionati che si trovano (ad esempio) all’esterno dell’ufficio. “Tutto ciò che dobbiamo fare è integrare un piccolo chip in ogni fonte di illuminazione, e questo combinerebbe due funzionalità: quella per l’illuminazione e quella per trasmettere informazioni senza cavo“, sottolinea Haas (pur essendo necessario, per una connessione sempre presente, avere le luci accese 24 ore su 24). C’è da lavorarci, ma il futuro è già...

Avete il router vicino alle luci di Natale? Occhio alla rete WiFi

Da un paio di giorni si sente parlare di interferenze causate dalle luminarie che in questo periodo si installano nei vari appartamenti, negozi, ecc. L’agenzia Ofcom, regolatrice per le aziende di comunicazione nel Regno Unito ha indicato, tra i “WiFi disturber” domestici, proprio le luci dell’albero di Natale. La stessa agenzia ha prodotto un’app (per ora disponibile solo per il Regno Unito) che aiuterebbe a risolvere eventuali problemi causati da queste interferenze. Non solo le luminarie ma anche elettrodomestici e arredi possono fare interferenza con le onde radio usate dai router WiFi. Nel periodo natalizio poi, aumentando anche la produzione di vettovaglie e, di conseguenza, l’uso dei vari elettrodomestici, questo fenomeno risulterebbe statisticamente più diffuso. Noi le interferenze le conosciamo bene e sappiamo bene che buona parte delle problematiche, inspiegabili ai non addetti ai lavori, relative alla navigazione in WiFi sono causate da esse. La crescita esponensiale del numero di reti Wireless e la concentrazione di esse sta saturando via via i vari canali WiFi disponibili e, in un futuro molto prossimo, potrebbe essere causa di parecchi disservizi. Anche per questo motivo molti produttori stanno già immettendo sul mercato apparati dotati di scheda wireless che va sia a 2.4Ghz che a 5Ghz; in questo modo si potrà in futuro passare ad una frequenza meno satura ed evitare le interferenze. Ma come funziona, per quale motivo proprio le luci di Natale? La prima causa è la presenza di una grande quantità di materiale metallici all’interno del lungo cavo di corrente avvolto intorno all’albero, trasformandolo in una sorta di antenna atta a deviare le onde radio, impoverendo la qualità del segnale. La seconda causa è da ricercare nel circuito stesso delle luci di Natale: spesso è realizzato con componenti elettrici molto economici e per nulla isolati. Il nostro consiglio è quello di tenere il router lontano (almeno 3 metri) da altri dispositivi elettrici. È consigliabile altresì di spostare il router in una stanza priva di elettrodomestici ed apparati come stereo, televisori, lavatrici, ecc. In verità siamo scettici circa l’importanza di questo tipo di interferenza, crediamo piuttosto che le cause di malfunzionamenti siano da ricercare nel numero di reti WiFi presenti nel proprio appartamento e dal sovraffollamento poco intelligente sugli stessi canali radio. Usate quindi un’applicazione per rilevare il canale più libero e fatevi aiutare dal vostro consulente informatico per configurare il vostro router su un canale consono....

Tax Credit per il Turismo Digitale – A Giorni il Decreto Attuativo

Come vi avevamo anticipato in questo articolo, pare che il 12 Febbraio sia stato finalmente approvato il Decreto Attuativo (Tax Credit). Il Ministro Franceschini, dal BIT di Milano dichiara: “Il tax credit per il turismo digitale è pienamente operativo, ieri ho firmato con il Ministro Padoan il decreto attuativo”.Il Decreto prevede dal 2015 al 2019 il riconoscimento alle imprese di un credito di imposta del 30% dei costi sostenuti per investimenti in digitalizzazione. Potranno essere dedotte spese per l’acquisto di siti e portali web e la loro ottimizzazione per i sistemi di comunicazione mobile, di programmi per automatizzare i servizi di prenotazione e vendita on line di servizi e pernottamenti, di servizi di comunicazione e marketing digitale, e, soprattutto di realizzazione di impianti WiFi o ampliamento e rinnovamento di reti già esistenti. “Grazie agli investimenti sul digitale – ha concluso Franceschini – saremo in grado di promuovere al meglio le nostre ricchezze locali e le nostre eccellenze enogastronomiche. Con la nostra capacità di associare creatività, innovazione e tradizione nei prossimi anni continueremo a sorprendere il mondo, creando al contempo opportunità di sviluppo sociale, economico e culturale per il territorio”.  Vi terremo informati, sui nostri canali e tramite newsletter, non appena il Decreto verrà reso...

Hotspot WiFi senza Adsl: come fare?

La scorsa volta vi abbiamo parlato dei vantaggi dell’hotspot WiFi per eventi. Oggi invece parliamo di una delle problematiche maggiori che abbiamo riscontrato negli ultimi anni: l’assenza di una connessione ADSL, o anche solo della semplice linea telefonica per poter offrire il WiFi gratuitamente ai propri clienti. Purtroppo sono molte le aree in Italia che non vengono raggiunte da una connessione veloce e spesso, anche nei casi in cui l’ADSL arrivi, la velocità lascia un po’ a desiderare come dimostra uno studio fatto da Sos Tariffe. Come si fa in casi come questi?! Ecco le possibili soluzioni: Connessione Satellitare Il vantaggio della connessione satellitare è che è possibile installarla ovunque ci sia una porzione di cielo disponibile. E’ possibile utilizzarla sia su postazioni fisse (il tetto di un edificio), sia su postazioni mobili (sul tetto di un camper come quelli che vengono utilizzati per Eventi e Fiere). Ma richiede comunque l’installazione di un’antenna. Gli svantaggi di questo tipo di connessione sono rappresentati dal costo elevato di installazione e dai limiti del traffico dati (variabili in base all’operatore). Rete Mobile Il vantaggio della connessione tramite rete mobile è certamente la copertura. A differenza della connessione satellitare non ha bisogno di un’antenna e il router wifi può essere posizionato ovunque. Oltre a ciò è possibile attivarla quando necessario, ad esempio in occasione di Fiere ed Eventi, quindi non è vincolata ad alcun tipo di abbonamento. Purtroppo però non garantisce la stessa potenza e stabilità di segnale di una linea satellitare o Adsl. Wi Max In termini di rendimento è la soluzione migliore rispetto alle due elencate prima: maggiore velocità, maggiore stabilità di segnale, anche se non può essere utilizzata per postazioni mobili e richiede comunque l’installazione di un’antenna. Inoltre, nonostante l’offerta sia in forte crescita, non tutti i territori hanno un operatore che li serva ed è comunque un’offerta vincolata ad abbonamento. Contattaci, se anche la tua attività non viene raggiunta dalla linea Adsl e vuoi una consulenza su come fare ad installare un hotspot...

Il WiFi Comunale di Noody

Sin dall’inizio uno dei nostri principali propositi è stato quello di lavorare con le pubbliche amministrazioni per dare ai cittadini un Wifi Comunale efficente, semplice e veloce. I nostri primi clienti sono stati, a partire dal 2008 il Comune di Sasso Marconi e il Comune di Zola Predosa, che forniscono a tutti i loro cittadini il WiFi gratuito in tutto il centro storico grazie a noi. La rete wireless oggi copre anche le biblioteche, le aree comuni cittadine, come i giardini pubblici e la piscina comunale, e centri di aggregazione sociale. Dal 2011 Noody WiFi sta garantendo lo stesso servizio anche al Comune di Castiglione dei Pepoli e al Comune di Pianoro. Il servizio è stato fornito su misura, in base alle singole esigenze comunali, e nel pieno rispetto delle normative sulla Privacy. Oggi stiamo progettando l’ampia rete di connessione senza fili nel Comune di Nuoro. La novità è la varietà dell’offerta di Noody: a corollario del wireless, abbiamo proposto l’esperienza di creazione di siti web e landing page personalizzate, con la creazione di uno spazio Internet completo, dedicato ai cittadini e allo sviluppo turistico e sociale del luogo. La fornitura del servizio ad hoc ha reso possibile la piena soddisfazione di queste realtà comunali che sono state seguite in ogni loro singola esigenza. È infatti sempre più apprezzata la personalizzazione del servizio dal momento che ciascun Comune decide autonomamente su quale pagina web del proprio sito far “atterrare” l’utente in fase di autenticazione, così da promuovere una particolare sezione a mo’ di spazio informativo. Inoltre, da sempre Noody punta sulla semplicità di accesso alla rete wifi da parte del pubblico, sulla velocità e sulla stabilità della navigazione, sul rifornimento costante di codici di accesso al wifi, e, non per ultimo, sull’assistenza tecnica completa e tempestiva. Sono tre le modalità d’accesso per i cittadini attualmente disponibili : SMS (l’utente inserisce un codice identificativo più il suo numero di telefono e riceve un SMS che contiente username e password per l’accesso) Scratch cards (l’utente riceve una tessera che contiene direttamente i dati per accedere alla rete) Stampa diretta (codici di accesso stampabili direttamente da terminale quando necessario) Oltre alla copertura wireless, il servizio Noody comprende anche il comodato d’uso da parte dei cittadini di postazioni fisse di navigazione laddove l’ente voglia offrire spazi dedicati a Internet in luoghi adibiti magari alla ricerca o allo studio. Il tutto mantenendo particolari filtri di navigazione per accedere al servizio in piena sicurezza, anche per la tutela dei minori: blocco peer2peer, filtro parentale, white...

« Previous Entries

Econoetica S.r.l. - Via Salvador Allende 13 (c/o Area Europa) - 40139 Bologna - Tel: 051.19984044 - Mail: econoetica@pec.dnshosting.it - P.Iva: 02625221201 - Iscritta al Registro delle Imprese di Bologna - Num REA: BO 0454146 - Capitale sociale: 12.118,00 € - Privacy Policy